Vai alla pagina dei Contatti       Vai alla mappa dei luoghi

Torna alla home page del sito                                                               FacebookYou tubeFeed RSSVai alla pagina dei Link
percorso di navigazione SantantoniariFreccettaSatiraFreccettaVia ch'eccoli...
i Santantoniari 1976
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

Via ch'eccoli... i Santantoniari 1976

Scarica il file PDF 

I desideri del... maialino
- un altro viaggio in Egitto, alla ricerca de lo stalletto mio...
- cavallo dindo per futuro capitano Peppe «beatiful», poiché lo stalliere è già trovato «silvano e biondo».
- che la cavalla de S. Giorgio la smettesse de magnà fagioli, perché standoie sempre a le «tacche» n' se resiste.
- che Fefé dopo aver fatto tante donne per S. Antonio, rimedi qualche omo pe' 'l Cero.
- de truà 'nna scrofa giù lo scortico...
- che nco' l'aria che tira i Santoniari 'n decideno de famme 'n porchetta...

Le nostre mute
Nell'aula “Mangia” dell'Argentina, in un clima sereno ed obbiettivo, nell'intento di stabilire la “disposizione logistica e tattica delle mute”, si sono riuniti, all'insaputa dei ceraioli, i capimuta. Erano cento...
Moderatori dell'assemblea, con voce gradevole e suadente, il Cippe e Motomme de Ragno.
Non hanno volato mosche... ma solo tavolini. A destra si son visti Ontano e Staffici che, dandosi del Lei, si scambiavano opportuni convenevoli. A sinistra, Leo e Acciaio sostituivano amorevolmente le punte del Corso con quelle del Pisciatoro. Al centro conferenza del Pacio sul tema: “Amarcord”. Nei bassifondi, calmo e placido mugugnava Romeo...
Con baci cd abbracci Sorcino ha promesso tutto il suo aiuto a Loris (su la Ficara). Tra i più calmi, in evidenza, Pelcaprume, Ivo, Scelba, Leo, Sergio e Bagagli appresso,
Il Capodieci, stupito per l'idilliaca imprevedibile armonia, invitava i convenuti a prendere la parola.
Dopo che, timidamente, ognuno ebbe detto la sua, e dopo il decollo di altri tavolini, si è all'unanimitaà deciso:
«I ceraioli saranno suddivisi in base all'età. Dal 25 al 50 anni potranno, dietro domanda, portare i Ceri Mezzani. In una prossima riunione, verrà stabilito se gli ultracinquantenni, con il permesso dei genitori e di Mario de Coppo, potranno portare i Ceri piccoli...».

Come nacque l'idea del Giro del Giardino
Il nostro inviato al seguito di un turista che ha assistito alla “Corsa dei Ceri” con telegramma-lettera ci comunica quanto è riuscito a farsi raccontare:
«Arrivato Gubbio ore 11. Andato cercare dottore vacche. Trovato casa, moglie dottore detto correre Piazza Grande. Arrivato tardi. Ancora grande confusione. Trovato dottore – lui infuriato – spiegatomi come vedere corsa almeno sera. Ore 17,30 – come lui detto – essere andato colonne Barbi. Ore 18 vista processione con pochi preti e meno gente. Ore 18,05 urli e grande bolgia. Avuto spinta finito terra dentro portone. Rialzato seguo gente, come detto dottore. Mi sperdo vicoletti. Finalmente raggiungo monumento Fante. Domandato se visto passare Ceri risposta “Cocco mio arrivato tardi”. Seguo gente come detto dottore sino Piazza Grande. Impossibile arrivare: ganascioni, spintonate, calci. Finimondo. Gente torna verso Fante. Tornato anch'io: guardare verso monte, come detto dottore. Vedere solo pini. Salito macchina tornato casa: per vedere Ceri comprato cartolina».

4 chioppi... 4 storie...
Anno 1971 (caduta in Piazza Grande)... la muta dei colonnelli...
Anno 1972 (caduta sul monte): il Cero rovina a terra Ermete cosi commenta «Lasciatelo tolì porca … n' lo vedli che n' vole gì su!»
Anno 1974 (caduta sui pini): «Abbiamo uomini e mezzi!» disse il Conte sul Monte. Rettifica il Castrino dopo la noce «a... a... abbiamo mezzi-uomini!»,
Anno 1975 (caduta sui Consoli): La vendetta di Sandokan...

Prossimamente:
Furia infernale: la corsa
Gioventù bruciata: quelli dell'Alzatella
L'ultima méta: il pisciatoro
Metti una sera a cena: 'nzino
Il cavaliere del mistero: S. Giorgio
L'angelo azzurro: il Ciuettone, nostro tipografo
Il piffero magico: Lele de Pirro
Il ruvido e il liscio: il burino e il marchese
La giornata balorda: le elezioni
Gigante, pensaci tu: Silvioli
Giò Condor: Bettello
Il seme dell'odio: Romeo e Leo
Motom maledetto: Piero de Ragno
I magnifici piccoli superman: i Brutanelli
Lascia fare a Giorgio: Antonialie
Il clan dei calabresi: L'ospidale
Siamo tutti assassini: i Santantoniari 
 

 
Colonna DX