Vai alla pagina dei Contatti       Vai alla mappa dei luoghi

Torna alla home page del sito                                                               FacebookYou tubeFeed RSSVai alla pagina dei Link
percorso di navigazione SantantoniariFreccettaVarie SantantoniareFreccettaIl CeroFreccettaCaratteristiche strutturaliFreccettaIl Cero
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

Le caratteristiche strutturali del Cero

Il Cero venne realizzato dall'artigiano Giuseppe Filippetti "Chicchero", stesso realizzatore del Cero di S.Giorgio, infatti ha una forma pressochè analoga a quella di S.Giorgio cioè buzzi e cuspidi hanno sezione ottagonale, le basi delle cuspidi sono ad ogni livello leggermente più strette dei buzzi corrispondenti. La base della cuspide più alta è ornata, contrariamente delle altre, da una controcornice.
Il panottolo superiore è squadrato e pertanto assomiglia molto al culacciolo, in corrispondenza dello spigolo anteriore destro presenta un misterioso anello.
Le manicchie, a sezione trilobate ad "asso di picche" in senso trasversale.
I pioccoli, squadrati non appoggiano sul tabellone, ma sono situati in posizione più elevata.
Le decorazioni realizzate dal pittore Ugo Ungherini nel 1893(F. Cece, E.A. Sannipoli, "Gubbio Arte", 1993, 3-4, pp.5-9) con la tecnica dello "spolvero" con pergamena traforata si ripetono identiche ai vari livelli.
A inizio 2011 i Ceri sono stati restaurati e il colore attuali di S.Antonio è "terra di Siena bruciata" con decorazioni di colore indaco e lumeggiature bianacastre (decorazioni vegetali).

Anno di fabbricazione: 1893
Peso totale: 282,44 kg
Altezza totale: 5,02 m

 
Colonna DX