Vai alla pagina dei Contatti       Vai alla mappa dei luoghi

Torna alla home page del sito                                                               FacebookYou tubeFeed RSSVai alla pagina dei Link
percorso di navigazione SantantoniariFreccettaVarie SantantoniareFreccettaLa FestaFreccettaI luoghiFreccettaCampanone
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

Campanone

E' la vera voce di Gubbio, quando il suo suono si diffonde, sulla città e sulla campagna, porta con sé un senso di grande gioia. Il Campanone nasce il 30 ottobre 1769, quando il professore Giovanni Battista Donati di Aquila eseguì la fusione dell'attuale campanone sotto gli Arconi di Piazza Grande.
L'interesse per quel fatto era enorme. La campana del Palazzo dei Consoli veniva da anni difficili: il vecchio Campanone si era rotto quattro anni prima (1765), l'anno successivo fu sistemato nella torretta uno nuovo, fuso da Giovanni Casali di Ancona, ma si ruppe, dopo due anni soltanto, per gravi difetti di fusione.
Quindi arriviamo a quello attuale che fu sollevato da Piazza Grande alla torretta il 20 marzo 1770.
Il suo peso è 19,66 quintali, più il battaglio ("batoccolo") 114 Kg, il diametro è 1.43 m, altezza 1.52 m. Il ciglio del campanone dista il muro della torretta solo 7 cm.
Intorno al campanone è impressa una iscrizione in latino che, oltre a ricordare gli autori e la data di fusione, contiene la preghiera: "Il Signore nostro Gesù Cristo per intercessione della Santissima Concezione della Beata Maria Vergine e dei Santi Giovanni e Ubaldo liberi questa città dal flagello del terremoto, dal fulmine e dalla tempesta e da ogni male, Amen".
Nell'iscrizione sono accomunati tutti e tre i Patroni di Gubbio!

 

Vai alla mappa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Colonna DX